Published On: Febbraio 26, 2022By 1312 words6,6 min read

Nella lista dei preparativi del matrimonio ovviamente non può mancare l’anello di matrimonio. Ma quanto può costare? Chiaramente ci sono molti fattori da tenere in considerazione, come la dimensione, il materiale e la forma. 

Alcuni sposi preferiscono anelli semplici, altri più elaborati e a volte adornati da qualche pietra preziosa, tutti dettagli che aumentano il prezzo delle fedi nuziali.

Anche la marca può incidere molto sul costo dell’anello, soprattutto se ci indirizziamo verso brand molto prestigiosi, che generalmente offrono maggiori garanzie sul prodotto acquistato e una completa assistenza prima e dopo la vendita. 

Abbiamo indicato qui di seguito alcune informazioni che potranno esservi utili nella scelta dell’anello di matrimonio perfetto per le vostre esigenze.

La tradizione della fede nuziale

Il concetto di fede nuziale riprende quello di lealtà e fedeltà, essendo un anello che simbolicamente unirà due persone per tutta la vita, o almeno così prevede la tradizione cristiana. La parola fides in latino significa fede, anche se il suo primo e antico significato era legato alla lealtà del cittadino romano alla sua patria e non tanto alla fedeltà tra due innamorati che si uniscono in matrimonio.

La parola anello invece deriva dal latino anulus che significa “cerchio”, e da qui deriva anche il nome del dito anulare. In molte culture il cerchio ha sempre simboleggiato unione e continuità, e questo concetto trova origine dalla tradizione pagana che prevedeva di tracciare un cerchio sul terreno attorno agli sposi come segno di portafortuna.

Durante l’Impero Romano l’uomo e la donna indossavano gli anelli in mani diverse, ma di solito sempre sull’anulare. Infatti, secondo la credenza, su questo dito scorreva la Vena Amoris, una piccola vena che risale lungo il braccio per arrivare dritta al cuore. 

Più avanti nel tempo, una tradizione medievale prevedeva che la futura sposa dovesse intrecciare un suo capello e quello dello sposo all’anulus, per tenerlo 9 giorni sul cuore prima di scambiarlo col marito il giorno delle nozze. In seguito, nel tardo medioevo, inizierà la pratica di scambiarsi le fedi nuziali con la cerimonia del matrimonio, mentre l’usanza di incidere i nomi degli sposi all’interno degli anelli risalirebbe al 1700.

Come scegliere l’anello di matrimonio dei vostri sogni

Un sondaggio ha rivelato che la maggioranza dei futuri sposi dedica molto tempo ai preparativi del matrimonio, ma lasciano quasi per ultima la scelta delle fedi nuziali, convinti che sarà una questione facile da sbrigare.

In realtà è necessario pensarci bene, prima di tutto perché la fede rimarrà al vostro dito praticamente per tutta la vita, quindi sarà bene sceglierne una che vi piace veramente tanto e magari non vi verrà mai a noia. Poi ci sono davvero molti fattori da tenere a mente; dovete decidere se preferite una fede più larga o una più sottile, in oro giallo o bianco, o perché no, di platino, semplice oppure adornata da qualche brillante o pietra preziosa. Inoltre, prima di scegliere, tenete bene a mente a quale anello porterete la fede, e se avete bisogno di maggiori informazioni, consultate il nostro articolo Prossimi al matrimonio: dove si mette la fede nuziale?

Anche il budget sarà rilevante per la scelta finale del vostro anello di matrimonio, ma fondamentalmente ricordate di prendervi tutto il tempo che serve per pensare bene a che tipo di anello vi piacerebbe indossare tutti i giorni, perché questa indicazione vi aiuterà moltissimo nella scelta finale.

Quanto costa un anello di matrimonio?

Il materiale dell’anello di matrimonio incide abbastanza sul costo finale, tradizionalmente per le fedi nuziali viene consigliato l’ oro giallo, simbolo classico per eccellenza e significato profondo di eternità per le culture cattoliche. L’oro giallo ancora oggi rimane la prima scelta perché rappresenta la tradizione, l’eleganza e la purezza di un amore che lega gli sposi per tutta la vita.

Alcuni sposi preferiscono anelli in oro bianco o platino, ma considerate che in linea di massima un anello in platino può costare più del doppio di uno con la stessa forma in oro. Oltre a questo, il costo varia in base ai carati, cioè alla purezza dell’oro. 18 carati significa che il 75% del metallo è composto di oro, il restante di altri materiali tipo argento o nichel. Con meno carati si spende meno, ma l’anello sarà più facilmente soggetto a usura o rischierà di provocare allergie a chi non tollera metalli come il nichel (vedi articolo E se fossimo allergici all’oro? Ecco come capirlo).

Come accennavamo prima, anche la forma o la presenza di pietre preziose comportano una variazione del prezzo, così pure la marca prescelta, che potrebbe essere un brand prestigioso oppure uno meno conosciuto che può certamente offrire un’ottima qualità ad una spesa più contenuta.

I brand più prestigiosi: Damiani e Tiffany

Il matrimonio è uno dei giorni più importanti nella vita delle persone e se il budget ce lo permette possiamo anche osare un po’ e selezionare un brand conosciuto per delle fedi nuziali raffinate e di straordinaria manifattura. Ecco di seguito qualche dettaglio su due nomi molto noti nel mondo della gioielleria.

La storia dei gioielli Damiani è quella di una famiglia italiana legata alla tradizione alla passione per l’arte orafa, che dal 1924 propone creazioni esclusive e sofisticate.

Le fedi nuziali Damiani sono una tradizione quasi secolare per la maison, che ha saputo reinterpretare il concetto tradizionale trasformandolo in un capolavoro di gioielleria contemporanea. La collezione propone anelli in oro bianco, rosa, giallo e platino, ognuno impreziosito dall’incastonatura di un piccolo diamante. Su questa pagina potrete trovare l’intera collezione e chiedere informazioni su prezzi.

 Tiffany è la prestigiosa maison di gioielleria di New York famosa per aver stabilito nel 1886 gli standard di riferimento per l’anello di fidanzamento che conosciamo oggi. Ma la sua collezione prevede anche una selezione di fedi nuziali molto particolari, che vanno dai modelli classici a quelli più contemporanei, realizzati dai maestri artigiani della maison e completati con diamanti e pietre preziose per la clientela più esigente. Per i modelli più semplici i prezzi non sono proibitivi, e se la sposa desidera un anello Tiffany con diamanti, ma le finanze non permettono un investimento troppo esagerato, potete optare per il modello Tiffany knot (tra l’altro in inglese tie the knot significa convolare a nozze) dove le estremità intrecciate rappresentano il simbolo della forza del legame tra le due persone.

Maggiori dettagli sulla collezione e sui prezzi sono disponibili su questa pagina del sito ufficiale.

La qualità accessibile online: Amazon e Uno a Erre 

Con l’enorme sviluppo del commercio online degli ultimi anni, sono disponibili una varietà di opzioni per acquistare delle bellissime fedi online comodamente da casa a costi più o meno alti. Vediamo insieme due valide proposte che sapranno certamente soddisfare le vostre esigenze per questo acquisto così importante:

  • Amazon, da tempo principale punto di riferimento per lo shopping online, offre un ampio assortimento di anelli di matrimonio, dalla classica fede in oro giallo, rosa o bianco, a modelli più particolari con disegni o aggiunta di zirconi, a prezzi estremamente vantaggiosi. Amazon propone anche una scelta di fedi nuziali di costo più elevato per la scelta del materiale e la presenza di diamanti o pietre preziose.

 

  • Uno a Erre ha elaborato una splendida collezione di fedi nuziali classiche in oro giallo, bianco e rosa, con o senza diamanti e nella versione fedi comode, con una speciale lavorazione interna all’anello che garantisce migliore indossabilità e comfort. Il modello Cerchio di Luce è l’evoluzione più moderna ed elegante della fede nuziale, a volte caratterizzato dalla presenza di un diamante di taglio brillante. Potrete trovare qui tutti i riferimenti e dettagli della collezione Matrimonio e Fidanzamento.

Una curiosità sul nome di questo marchio molto rinomato della tradizione orafa. Nata nel 1926 come prima azienda orafa della città di Arezzo, nel 1935 riceve il primo marchio della provincia, che, per esteso, coincide appunto con il nome della società: UNOAERRE (1AR).

Leggi altri articoli simili